Firenze Card: vale la pena farla?

Firenze CardAnche se “tutto sommato” Firenze è piccolina e le principali cose da vedere sono “tutte lì”, non sottovalutatela: le attrazioni che non si possono trascurare sono sicuramente di più di quelle che pensate. E, adesso arriva la nota dolente, a parte qualche piccola e gradita eccezione, sono tutte a pagamento (talvolta nemmeno troppo economiche).

Se siete studenti, particolarmente giovani o già abbastanza senior, riuscite a scucire qualche sconto, altrimenti non c’è nulla da fare: bisogna mettere mano al portafogli, assicurandosi che non sia a corto di liquidità.

Se intendete visitare molti siti però, c’è un modo per risparmiare denaro e anche tempo (che dopotutto è denaro anche quello): acquistare la Firenze Card.



Questa tessera dà la possibilità di entrare praticamente ovunque a Firenze per 72 ore dal momento del primo ingresso, pagando un forfait di 72 €. Lo so, settantadue euro non sono pochi, soprattutto se si devono sborsare in una botta unica. Ma se le vostre intenzioni sono quelle di fare indigestione di cultura, può valerne la pena. Il discorso è valido solo se vi trattenere in città almeno 3 giorni, altrimenti non avrete nemmeno il tempo materiale di spendere così tanti soldi in musei e chiese. Investiteli piuttosto in una bella bistecca alla fiorentina 🙂

Calcolatrice alla mano, facciamo due banalissimi calcoli:

Galleria degli Uffizi > 8 €
Cappelle Medicee > 6 €
Campanile di Giotto + Cupola del Duomo + Battistero > 15 €
Basilica di Santa Croce > 6 €
Palazzo Vecchio + Torre > 14 €
Bargello > 4 €
Gallerie dell’Accademia 8 €
Santa Maria Novella  > 5 €
Cappella Brancacci > 6 €
Galleria Palatina (Palazzo Pitti) > 8,5 €
Giardino di Boboli > 7 €
Totale > 87,5 €

A quanto pare, il risparmio c’è: limitandovi a visitare le attrazioni sopra, ossia il minimo sindacale, risparmierete ben 15,5 €, che potete quindi investire in cantucci. Tenete però presente che, oltre ai monumenti, musei e chiese appena elencati, ci sono molte altre attrazioni minori, se mi passate il termine, che si possono comunque visitare con la Firenze Card. Per non parlare poi del fatto che spesso con questa tessera si ha una corsia preferenziale in alcune code (provate un po’ a salire sulla cupola del Duomo e poi ditemi quanto siete stati in coda!).

Inoltre, dal 1° novembre 2015 i siti e musei visitabili con la Firenze Card sono cresciuti raggiungendo quota 72. Le new entry sono: Scavi del Teatro Romano di Firenze-Palazzo Vecchio, Museo Salvatore Ferragamo, Villa e Giardino Bardini, Fondazione Primo Conti, Museo Enrico Caruso, Museo del Ciclismo “G. Bartali”.

Forse è già abbastanza chiara la mia opinione in merito, comunque la ribadisco anche adesso: vale la pena fare la Firenze Card solo per soggiorni di almeno 3 giorni e solo se avete intenzione di vedere un bel po’ di cose (non per farvi sentire in colpa ma, a Firenze non si può non fingere di essere interessati all’arte :-p).

Per maggiori informazioni vi rimando al sito ufficiale della Firenze Card.

***

NB se non trovate coerenza tra quanto scritto nel post e i commenti è perché questo post è stato originariamente scritto in data 11/06/2014, per poi essere aggiornato e ripubblicato in data 18/01/2016.

 
5 Commenti
  1. Peccato che all ufficio informazioni si sono dimenticati di dirmi di trascrivere il numero tessera nel biglietto del bus . Ho pagato 50 euro di multa e poiche’ non potevo pagare subito con bancomat , il giorno dopo ho dovuto aggiungere il 10% in piu’ . Forse non sono solo le banche a chiedere alti interessi , ricordo che e’ un servizio che dura solo 3 giorni !

  2. Attenzione: i prezzi dei musei quando si parla di fare un banalissimo conto non sono assolutamente veri:
    glu Uffizi costano quasi sempre 12,50€ + 4€ di prenotazione se non si vuole stare in coda un’ora o più, idem per la Galleria dell’Accademia, mentre la Galleria Palatina costa quasi sempre 13€ a persona.
    Cappelle Medicee 8€ a persona.

    Guardate bene i costi dei biglietti.

    • Ciao Michele,
      grazie del tuo contributo.

      Sui vari siti ufficiali delle attrazioni fiorentine, i prezzi dei biglietti sono quelli riportati in questo post. Se poi si comprano online c’è un costo di prevendita, così come se ci sono inoltre delle mostre temporanee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *