Come spostarsi in Libano: trasporti pubblici vs auto

 

Come spostarsi in LibanoIl Libano è un paese piccolino e per attraversarlo tutto da nord a sud ci vogliono un po’ più di 3 ore di macchina, traffico permettendo (si tratta di 250/300 chilometri, dipende da come si misura).

Beirut, la capitale, si trova indicativamente nel mezzo e dista dagli altri centri principali a un’ora o due di macchina.

Queste premesse fanno ben sperare di riuscire a spostarsi in maniera facile e snella un po’ ovunque ma, mi spiace deludervi, non è proprio così immediato.

La bella notizia, però, è che in Libano non è impossibile spostarsi con i mezzi pubblici (mezzi pubblici=bus, in quanto il treno non è pervenuto), anche se non permettono di andare proprio ovunque e ci vuole un po’ di flessibilità e spirito di adattamento. Se avete un po’ di pazienza, vi spiego tutto nelle righe che seguono inserendo anche qualche tips & tricks. 😉

In questo articolo tratterò l’argomento spostamenti in Libano, e in particolare di: come arrivare a Beirut città dall’aeroporto e viceversa, come muoversi a Beirut e nelle altre città, come andare da una città all’altra e raggiungere le attrazioni principali.

Come arrivare a Beirut città dall’aeroporto e viceversa

Dall’aeroporto di Beirut, il più grande e meglio servito del paese, per arrivare in città l’unica alternativa possibile è prendere un taxi. Se però avete la possibilità di accedere a Internet c’è anche l’opzione Uber, un po’ più economica (in aeroporto c’è il wifi gratuito per 30 minuti, ma una volta usciti lo perderete).

Una banda di tassisti attende con ansia i turisti in arrivo chiedendo cifre non inferiori a 45.000 LIB (~25/26$) a cui va aggiunto anche il parcheggio. Trovare un libanese che “smezzi” la corsa è pressoché impossibile (non per cattiveria, ma loro non concepiscono una cosa del genere da un punto di vista culturale), ma se trovate qualche altro turista come voi potete provare.

Se avete già prenotato un albergo, potete farvi organizzare un transfer -la cifra chiesta è di 25$ circa- così non dovete stare a contrattare già dal primo momento nel paese.

Se entrare in città dall’aeroporto è molto costoso, non si può dire lo stesso della tratta inversa: contrattando un po’, potrete riuscire ad arrivare all’aeroporto da Beirut città con soli 15$. Ma non chiedetemi il perché di questa abissale differenza… è così!

Come muoversi a Beirut e nelle altre città

Né a Beirut né nelle altre città libanesi esistono treni o metro, ci si sposta solo sulle 4 ruote: auto, bus, taxi (o Uber) e con i cosiddetti service. Tutto ciò rende, di conseguenza, le città intasate dal traffico, in particolare nelle ore di punta: tenetelo in considerazione se avete degli orari da rispettare.

Per quanto riguarda i bus, che poi più che bus veri e propri sono dei pulmini, non esistono orari ufficiali ma sono comunque piuttosto frequenti ed economici (1000 LIB a persona a tratta). Per quanto riguarda Beirut, una mappa super indicativa sulle linee dei bus la trovate qui.

Un’alternativa ai bus, poco più dispendiosa, sono i service, ossia delle macchine con targa rossa che caricano gente per strada portandola dove deve andare o nei paraggi. Il prezzo standard è di 2000 LIB a persona a tratta, ma se la tratta è più lunga “del normale” può aumentare. I service sono dei taxi collettivo dai quali continua a salire e scendere gente che fa più o meno lo stesso tragitto. Di giorno ne passano tantissimi e si fanno notare suonando il clacson non appena avvistano un ipotetico cliente, di notte se ne trovano invece molto pochi.

Infine ci sono i taxi veri e propri, onnipresenti anche di notte ma ovviamente più cari dei service, anche se non di molto. Le tariffe vanno comunque sempre contrattate ma non aspettatevi che i tassisti siano disposti a scendere più di tanto: loro ci provano a sparare cifre assurde, in particolare se vi individuano come “persona non del posto”, ma sotto una certa soglia non vanno. Per darvi un’idea dei prezzi, una corsa in taxi in città non costa meno di 10.000 LIB.

Come andare da una città all’altra e raggiungere le attrazioni principali

Le opzioni per spostarsi in Libano sono sostanzialmente le seguenti:

  • Bus pubblici – Economici e frequenti, ma hanno il difetto di non arrivare proprio ovunque. Si possono colmare le lacune abbinando alle tratte in bus su “lunghe” distanze delle brevi corse in taxi o con Uber.
  • Macchina con autista – È l’opzione più comoda ma anche la più costosa (e il Libano non è un paese particolarmente economico).
  • Noleggiare una macchina e guidarla – È l’ipotesi che permette di avere più libertà ma non è per tutti: la guida in Libano è spesso molto “creativa”, personalmente non me la sentirei di guidare, soprattutto nelle città.

Io, insieme a due amiche, ho optato per l’opzione bus pubblici + brevi corse in taxi laddove non si poteva arrivare col bus. E talvolta ci è pure capitato di fare l’autostop e di trovare un’anima pia disposta a portarci dove eravamo dirette. In questo modo siamo riuscite ad abbattere di molto i costi di trasporto poiché il più lungo tragitto in bus costa non più di 5000 LIB.

Dall’Italia non siamo riuscite a recuperare tantissime informazioni circa gli spostamenti coi mezzi pubblici e le poche persone che avevamo interpellato e che erano già state in Libano non erano state troppo ottimiste circa la possibilità di farcela.
Invece, contro ogni previsione, siamo riuscite a girare tutto il Libano con i pulmini pubblici raggiungendo talvolta livelli stile indiano (chi ha viaggiato in India con i mezzi locali mi può capire), che non ci saremmo mai aspettate in Libano.
L’apice è stato quando un bus ci ha lasciato in mezzo a una strada a scorrimento veloce, con tanto di bagagli, e abbiamo dovuto camminare lungo lo svincolo per prendere la “coincidenza”. Ma, a quanto pare, la cosa era abbastanza nella norma poiché non eravamo da sole.

Al netto degli aneddoti divertenti, anche se quasi tutti i libanesi si muovono con la propria auto, spostarsi con i mezzi pubblici è più facile di quanto si possa pensare. A semplificare il tutto, sono le brevi distanze tra le varie località e i punti di interesse.
L’unico fattore che incide sui tempi di percorrenza è il traffico in prossimità delle città, quasi sempre infernale.

Laddove non ci sono bus ma diverse cose da vedere (spesso accade che ci siano tante piccole cose da vedere che, singolarmente, non richiedono ore di permanenza come le tante chiese disseminate nella valle di Qadisha) bisogna ricorrere a una macchina con autista il cui prezzo va contrattato in anticipo, includendo nel forfait le soste e i tempi di attesa.

Nei posti in cui è più difficile trovare un taxi o un autista, come ad esempio i paesini di montagna, i prezzi sono ovviamente più alti in quanto c’è poca concorrenza.
In qualsiasi caso, anche se la situazione sembra complicata, non preoccupatevi perché sono certa che incontrerete un libanese pronto ad aiutarvi: sono tutti super carini e disponibili.

Se pensate di viaggiare in questo modo sarà di sicuro un’esperienza molto bella, perché vi permetterà di conoscere un sacco di gente del posto (io e le mie amiche di turisti sui bus locali ne abbiamo visti ben pochi, se non proprio zero). Ma comunque è meglio che non siate da soli, in modo che possiate dividere le spese dei taxi, che è poi la voce che incide di più.

Come accennavo prima, talvolta mi è capitato di dover fare l’autostop ma esclusivamente nelle zone più rurali e meno battute, mai in città. Non voglio incoraggiare questa pratica ma poiché i libanesi sono delle persone davvero squisite, per bervi tratti può facilitarvi la vita e farvi risparmiare un bel po’ di tempo. Inoltre io faccio presto a parlare perché non ero da sola ma con altre due persone, quindi relativamente più sicura.

Infine, un breve accenno a Uber. Io non l’ho usato perché abbiamo deciso di non acquistare una sim locale e non avevamo sempre una connessione a Internet, ma pare funzioni molto bene e che sia utilizzatissimo sia per spostarsi in città, ma anche per tratte più lunghe.

***
HEY ASPETTA, non scappare via così!
Perché non lasci un commentino qui sotto? Mi faresti molto felice! 🙂

Inoltre passa a trovarmi su: Facebook e/o Instagram.
Un bel LIKE è sempre gradito 😉

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *