Pan Tramvai: il dolce di Monza e Brianza (a loro insaputa?)

 
  • 8
    Shares

Pantramvai, il dolce di Monza
C’era una volta un lento tramvai che collegava Milano a Monza. Il viaggio era piuttosto lungo (si legge che, per non disturbare gli animali nelle campagne, fosse imposto il limite dei 15 chilometri orari) e i viaggiatori solevano portarsi uno spuntino, che spesso e volentieri era semplicemente pane arricchito con uvetta. Talvolta, questa merenda veniva data al posto del resto a chi acquistava il biglietto del tram, se non c’erano delle monetine a disposizione.
Ed è così che nasce il Pan Tramvai, il dolce che oggi viene associato alla Brianza anche se molti brianzoli non lo conoscono nemmeno: un dolce che, a loro insaputa, è una delle specialità locali e che verrà presentato come tale all’Expo 2015.
Non c’è molta letteratura sull’argomento in giro, tuttavia si legge che il Pan Tramvai fosse un dolce molto semplice diffuso a Milano e provincia nel tempi passati. Sulla semplicità, non ci piove. Sulla diffusione sembra invece non esserci una versione univoca anche se poi, alla fine della favola, non ci allontaniamo molto da Milano.

Il Pan Tramvai è un dolce talmente semplice che quasi si fa fatica a considerarlo come tale. In passato c’è chi lo ha addirittura soprannominato il panettone dei poveri: dopotutto qualche ingrediente in comune lo hanno.
Oggi le cose sono un po’ cambiate: ci troviamo sempre davanti ad un dolce non particolarmente elaborato, ma la ricetta originale è stata rivista e adattata alle esigenze moderne. Se prima poteva essere considerato una semplice evoluzione dolce del pane, adesso è da considerarsi un dolce a tutti gli effetti. Un dolce semplice eh, se non si fosse ancora capito 😉
È un prodotto da forno a pasta morbida, a lievitazione naturale, con forma rettangolare. Ha un gusto che vagamente ricorda il panettone ed è ricoperto da una glassa zuccherata, ma non esageratamente dolce.

Pan Tramvai, il dolce della Brianza
A dispetto di quello che si può pensare, il Pan Tramvai è una cosa seria, serissima. Tanto che c’è un disciplinare che lo tutela e una pasticceria, per poterlo produrre, deve farne richiesta formale, mica si può improvvisare così.
Se lo volete assaggiare dovete quindi andare in una di queste pasticcerie certificate che, al momento, sono le uniche autorizzate a sfornare Pan Tramvai. Io ho provato quello della pasticceria Bona di Monza (8€ per 300 gr, l’unico formato esistente).

Cosa c’è dentro il Pan Tramvai? Tra le altre cose: uvetta, noci e fichi. Gli altri ingredienti sono sostanzialmente i soliti dei dolci di questo tipo. È poi tutto un gioco di proporzioni, cosa su cui il disciplinale non transige…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *