Pont du Gard: l’acquedotto romano tra Nîmes e Avignone. Come arrivare, info e curiosità

 

Pont du Gard
Una tappa obbligatoria per chi visita la Provenza e, più in generale, la Francia del Sud è il Pont du Gard. Si tratta di un ponte romano a tre livelli molto ben conservato che attraversa il fiume Gardon più o meno a metà strada tra le città di Nîmes e Avignone.
Il ponte rappresenta una straordinaria opera di ingegneria e dal 1985 è stato incluso dall’Unesco nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità.

Come arrivare al Pont du Gard
Per raggiungere il Pont du Gard se non si ha un mezzo proprio si può prender il bus da Avignone o da Nîmes: in entrambi i casi costerà 1,50€ e non impiegherà molto a condurvi nei pressi del sito (sia Avignone che Nîmes si trovano a meno di 30 km di distanza dal sito, l’autobus impiega indicativamente 45 minuti). Il mio consiglio è quello di fare una sosta al Pont du Gard nel tragitto da Avignone a Nîmes (o vice versa), dal momento che le distanze non sono poi così enormi (e gli orari dei bus vi permettono di farlo), a meno che non è estate e preferite fare il bagno nel fiume e/o un pic-nic nel garrigue (vegetazione tipica di questa zona) che lo circonda. Ma, mi raccomando, non perdetevelo per nessuna ragione al mondo!

Subito dopo il parcheggio e poco prima di arrivare al ponte incontrerete il centro visitatori dove, oltre agli immancabili negozi di souvenir e ristoranti, troverete un Museo e un centro informativo per bambini (Ludo).

Informazioni e curiosità sul Pont du Gard:

  • con i suoi 50 metri di altezza è l’acquedotto più alto del mondo
  •  la sua funzione era quella di trasportare l’acqua dalle sorgenti di Uzès alla città di Nîmes utilizzando unicamente la forza di gravità
  • 1000 operai lavorarono alla costruzione del ponte e lo ultimarono in 5 anni
  • le arcate sono state costruite con massicci blocchi di pietra calcarea, senza l’utilizzo di malta (!)
  • il dislivello dell’acquedotto tra la partenza e l’arrivo (50 km) è di solo 17 metri (la pendenza è di 34 cm per chilometro)
  • la portata media era di 20.000 metri cubi d’acqua al giorno

Dati impressionanti, non trovate? Beh, mica si viene inclusi nella lista dell’Unesco per niente 😉

Ultimissima cosa: tra metà giugno e metà settembre, chi non soffre di vertigini può percorrere a piedi il livello più elevato del ponte (6€), chissà che vista…

Se vi servono altre informazioni, visitate il sito ufficiale del Pont du Gard (NB è in francese, inglese o tedesco, ma non in italiano 🙁 ).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *