Rajasthan in due settimane, cosa (si riesce a) vedere

 

Rajasthan in due settimane
Il Rajasthan ha una superficie pari quasi a quella della Germania e le località da visitare, oltre a essere tante, sono più o meno sparse in tutta la sue estensione e spesso collegate da strade non esattamente perfette. Tutto ciò significa che bisogna avere ritmi talvolta sostenuti e trottare abbastanza, soprattutto se non si ha un autista al seguito pronto a scarrozzarvi da una parte all’altra bypassando la lentezza, se non addirittura l’assenza, dei mezzi pubblici. Ma non disperate, c’è “rimedio” anche a questo.

Purtroppo non tutti hanno la fortuna di poter fare 3 settimane se non addirittura un mese di ferie di fila, spesso bisogna accontentarsi soltanto di 2 misere settimane (io faccio parte di questa categoria, sgrunt!). Se la meta prescelta è il Rajasthan in due settimane piene se ne possono vedere di cose, anche viaggiando nella maniera “no Alpitour”, affidandosi a treni, autobus locali, autorisciò e a frequenti cambi di programma (in India non si può pianificare più di tanto, #sapevatelo).



Rajasthan in due settimane
Vi riporto quindi l’itinerario che ho percorso in poco più di due settimane, viaggiando in completa autonomia e cercando di spezzare il più possibile il viaggio (spesso lungo) tra una località e l’altra facendo una o più soste per vedere le “cose” nel mezzo, con zaino al seguito. È stato un po’ stancante, lo ammetto, ma la bellezza dei luoghi visitati mi ha ripagato di tutto (a proposito, qui c’è la mia classifica delle cose da non perdere in Rajasthan).
Vi indico anche, in linea di massima, quanto ho speso per i vari spostamenti, così potete farvi un’idea dei prezzi però dovete tenere conto delle seguenti cose:

  • talvolta, ma non sempre, per gli autobus pubblici mi è stata applicata la tariffa da donne, quindi se siete maschietti contate di spendere qualcosina in più;
  • in riferimento a tuk tuk e autorisciò la tariffa indicata è, ovviamente, quella che ho contrattato: voi potreste pagare di meno come di più, dipende quanto siete abili nell’arte della contrattazione;
  • le tariffe sono relative al periodo in cui ho viaggiato io in India, ossia settembre/ottobre 2013.

Rajasthan in due settimane
Cercando di includere nell’itinerario più cose possibili ho dovuto prendere spesso gli autobus pubblici, anziché quelli deluxe (che poi ve lo spiego il deluxe…) più espressi e con posto teoricamente assegnato. Così facendo ho sempre destato curiosità e stupore nei confronti degli indiani che hanno condiviso questi viaggi con me: un’occidentale che prende un mezzo pubblico indiano  stipato all’inverosimile e senza aria condizionata è una rarità. Ma spesso questi viaggi si sono rivelati, seppur non esattamente comodi, decisamente piacevoli perché mi hanno permesso di incontrare una miriade di persone squisite e disposte a regalarmi un sorriso e ad aiutarmi nonostante un gap linguistico non trascurabile.

Per quanto ho cercato di fare più cose possibile, non sono ovviamente riuscita a fare tutto quello che avrei voluto e qualcosa ho dovuto necessariamente tagliare, come (a malincuore) il Ranthambore National Park o l’escursione in cammello nel deserto di Thar. Ma bisogna necessariamente fare delle scelte, altrimenti si rischia di correre da un posto all’altro senza però godersi davvero nulla.

Bando alle ciance, ecco finalmente l’itinerario:

  • giorno 1: Milano – Delhi
    taxi aeroporto-albergo, concordato in precedenza con l’albergo 700 Rs
  • giorno 2: Delhi
    metro per spostamenti in città 8 Rs
  • giorno 3: Delhi – Agra
    treno Delhi-Agra 1a classe AC 430 Rs; taxi prepagato da stazione treni di Agra a Taj Gani 200 Rs
  • giorno 4: Agra – Jaipur
    autobus 211 Rs; tuk tuk da Taj Ganj per autostazione 80 Rs
  • giorno 5Jaipur e Amber Fort
    autobus Jaipur-Amber Fort 20 Rs a/r
  • giorno 6: Jaipur – Nawalgarh
    autobus Jaipur-Nawalgarh 85 Rs; autorisciò da stazione autorisciò a centro città 50 Rs
  • giorno 7: Nawalgarh – Bikaner – Deshnok – Bikaner – Jaisalmer
    autobus Nawalgarh-Sikar-Bikaner 17 Rs + 121 Rs; autobus Bikaner-Deshnok 20 Rs; treno Deshnok-Bikaner 10 Rs; treno notturno Bikaner-Jaisalmer 90 Rs
  • giorno 8: Jaisalmer
  • giorno 9: Jaisalmer – Pokaran – (Phalodi) – Kichan – (Phalodi) – Osian – Jodhpur
    autobus deluxe Jaisalmer-Pokaran 120 Rs; taxi collettivo Pokaran-Phalodi 50 Rs; autorisciò Phalodi-Kichan-Phalodi 120 Rs; autobus Phalodi-Osian 55 Rs; autobus Osian-Jodhpur 40 Rs; autorisciò autostazione Jodhpur per centro città 50 Rs
  • giorno 10: Jodphur
  • giorno 11: Jodhpur – Ranakpur – Udaipur
    autobus Jodhpur-Ranakpur 100 Rs; autobus Ranakpur-Udaipur 60 Rs; autorisciò autostazione Udaipur per centro città 40 Rs
  • giorno 12: Udaipur
  • giorno 13: Udaipur – Chittorghar – Bundi
    autorisciò centro città per autostazione Udaipur 40 Rs; autobus Udaipur-Chittorghar 70 Rs; autorisciò Chittorghar per visita al forte 250 Rs; treno Chittorghar-Bundi 50 Rs; autorisciò stazione di Bundi per centro città 60 Rs
  • giorno 14: Bundi
  • giorno 15: Bundi – Ajmer – Pushkar
    autobus Bundi-Ajmer-Pushkar 108 Rs
  • giorno 16: Pushkar
  • giorno 17: Pushkar – Ajmer – Delhi
    autobus Pushkar-Ajmer 7 Rs; treno Ajmer-Delhi 1a classe AC 750 Rs
  • giorno 18: Delhi
  • giorno 19: Delhi – Milano
    metropolitana dalla città all’aeroporto 150 Rs.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *