Rottnest Island (Australia): l’isola dei Quokka

 
  • 6
    Shares

Rottnest Island - Australia OccidentaleNonostante le origini del nome (nido di ratti), Rottnest Island è un’isola che vanta una rara bellezza. Si trova al largo della città di Perth in Australia Occidentale ed è raggiungibile con una breve traversata in traghetto da Fremantle, il sobborgo sul mare di Perth (circa 25 minuti). In quest’isola trova asilo, il quokka, un marsupiale che non è praticamente possibile vedere in altri posti.

Il cittadino onorario di Rottnest Island: il quokka
E’ tutta colpa del quokka se Rottnest Island ha questo nome. Come accennavo prima, letteralmente Rottnest Island significa nido di ratti e questo perché i primi europei che misero piede sull’isola confusero il quokka con un ratto. Andando nello specifico, la persona da “infamare” è l’esploratore olandese Willem de Vlamingh: è suo il copyright di nido di ratti. Bhè, in effetti, Willem e gli altri colonizzatori europei proprio tutti i torti non ce li avevano: sarà pure simpatico ‘sto quokka, ma ad un ratto ci assomiglia per davvero!

Quokka, Rottnest Island
Il Setonix Brachyurus, quokka per gli amici, è un piccolo marsupiale, più tozzo e goffo rispetto al cugino canguro, che vive esclusivamente nell’isola di Rottnest e in altre poche zone delimitate dell’Australia Occidentale. Attualmente è considerato un animale vulnerabile e a rischio di estinzione. Sull’isola di Rottnest se ne trovano davvero tanti di quokka e tutti sembrano apprezzare la presenza umana ma, purtroppo per loro, le autorità vietano di dare loro da mangiare, per preservarne la salute. Si rischia pure di prendere una multa!

Rottnest Island
Rottnest Island: mare e relax
Quokka ma non solo: Rottnest Island è un’apprezzabile meta turistica che offre un mare spettacolare e la possibilità di rilassarsi dal frastuono della città (Perth non sarà la città più incasinata del mondo ma è comunque una grande città ed apprezzerete la pace e la tranquillità di Rottnest).

Se il tempo a vostra disposizione è poco potete visitare Rottnest Island in giornata, ma se ne avete possibilità dedicate a quest’isola più tempo, fermandovi a dormire almeno una notte (le possibilità di alloggio non mancano). Il modo migliore per visitarla è con una bicicletta (potete noleggiarla direttamente sull’isola): vi permetterà di andare più o meno ovunque e di spostarvi senza problemi. Unica seccatura è il vento, ma nulla di insopportabile.

Rottnest Island, Australia
Da dove spunta quest’isola?
In passato (sto parlando si circa 7000 anni fa!) Rottnest Island era collegata alla terraferma. E’ stato l’innalzamento del livello del mare a “darci un taglio” e a dividere l’attuale isola dal continente. Le “fondamenta” dell’isola sono calcaree ed hanno favorito la crescita di alcune particolari specie di piante che sono diventate il nutrimento degli animali presenti sull’isola.
La flora e la fauna di Rottnest Island hanno quindi molto da offrire. A parte il quokka, di cui abbiamo già parlato, sull’isola sono di casa diverse specie di animali di terra e di mare. In particolare si possono trovare molti pesci tropicali nonché leoni marini e stelle marine. Per quanto riguarda le specie vegetali, sull’isola sono presenti oltre 140 piante indigene.

Rottnest Island al tramonto
Rottnest Island e gli aborigeni
Quando l’isola era ancora terraferma è stata confermata la presenza di una popolazione aborigena di cui però non si conoscono le sorti dal momento che, con l’arrivo delle prime navi europee, non era più presente. Per gli aborigeni Rottnest è considerata da sempre una terra in cui risiedono gli spiriti.

Le vicende aborigene tornano purtroppo a Rottnest nel 1839, quando l’isola viene trasformata in una colonia penale per persone di cultura aborigena. Per oltre un secolo questo fu l’unico “scopo” di Rottnest, che accolse (si fa per dire) più di 3700 aborigeni provenienti da tutta l’Australia Occidentale. Inutile dire che molti di loro morirono per malattia, mentre altri vennero impiccati. Nel 1902 la prigione venne chiusa e fu da allora che si incominciò a pensare all’isola come una potenziale meta turistica.

Rottnest Island

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *