Cosa vedere in Olanda in una settimana (o poco più)

Cosa vedere in Olanda in una settimana
Nella top ten degli stati più piccoli d’Europa l’Olanda non c’è. Nonostante le sue ridotte dimensioni, paesi come il Liechtenstein o Andorra, di cui spesso e volentieri ci dimentichiamo dell’esistenza, la spodestano dalla classifica. In qualsiasi caso l’Olanda rimane un paese piccolo, dove città e destinazioni turistiche principali si trovano tutte a breve distanza tra di loro. Questo però non significa che il paese si possa visitare tutto in poco tempo: Amsterdam da sola, per dirne una, richiederebbe almeno una settimana di permanenza! Detto questo, avendo a disposizione una settimana soltanto, alla quale però si possono attaccare due weekend (quello prima e quello dopo), si riescono a vedere un bel po’ di cose, lasciandosene altrettante per un ulteriore viaggio di approfondimento.
Ricordatevi che in Olanda il clima non è esattamente come alle Canarie: in inverno fa freddo, spesso molto freddo; c’è vento (guarda caso i mulini a vento sono uno dei simboli del paese o.O); la pioggia non manca quasi mai, nemmeno d’estate. Vi dico solo che il 15 d’agosto, la giornata più calda dell’estate nell’immaginario collettivo, ero a Rotterdam a morire di freddo. Lungi dal volervi scoraggiare eh! Nonostante tutto, in Olanda tornerei domani, anche con pioggia, vento e freddo 🙂

Ma torniamo ad un ipotetico itinerario in terra olandese avendo una settimana e weekend limitrofi a disposizione. Ipotizzando di atterrare e ripartire da una apparentemente insignificante Eindhoven (affrontiamo anche questo punto, abbiate fede) grazie a Santa Ryanair che chi ha piazzato un volo low cost da Milano, io suggerisco di fare un giro in tondo in senso orario, partendo quindi da est (qui il link all’itinerario su Google Maps). Di seguito vi riporto le mie tappe. Ho dormito una notte in tutte le città tranne ad Amsterdam dove ne ho trascorse 3, mentre nelle località indicate tra parentesi, non ho dormito ma le ho visitate di passaggio.

Nimega
Nimega, Olanda
Una città in cui c’è poco da vedere (e pensare che ho pure rischiato di farci l’Erasmus…). Fate un giro nel Grote Markt, arrivate fino in riva al fiume Waal per aspettare il tramonto, dopodiché cominciate a bere birra: siete nel posto giusto per farlo. In tutta l’Olanda ci sono numerosi birrifici artigianali e caso vuole, che proprio a Nimega se ne trovi uno: De Hemel. Funge anche da ristorante ed è situato in un grazioso cortile decorato da lucine di Natale. Ma prima di buttarvi qui, è d’obbligo una birra da De Blauwe Hand, letteralmente “la mano blu”, che oltre ad essere il pub più vecchio della città (classe 1542) è il tipico pub olandese che frequenterete spesso nel vostro soggiorno in terra orange.

(Parco Nazionale De Hoge Veluwe)
Parco Nazionale De Hoge Veluwe, Olanda
Il più grande parco d’Olanda si visita in giornata lasciandosi Nimega alle spalle e avendo come obiettivo quello di trascorrere la notte a Utrecht. E si visita necessariamente in bicicletta, altrimenti perde il suo fascino. Non è necessario noleggiarne una perché in vari punti del parco, tra ai vari ingressi, si trovano le mitiche biciclette bianche a disposizione dei visitatori…aggratis. Ce ne sono quasi 2000.
Ma la particolarità del parco per eccellenza, al di là degli animali che si possono incontrare o delle dune di sabbia, è la presenza di un museo al suo interno. E non un museo qualsiasi, ma del Kröller-Müller Museum, considerato uno dei migliori d’Olanda e d’Europa. E poi, vuoi mettere girare tra le opere d’arte di Van Gogh (qui ce ne sono parecchie) e, buttando un occhio fuori, magari avvistare un cervo?

Utrecht
Utrecht, Olanda - (Miffy)
Una giornata intera ad Utrecht è d’obbligo. Oltre a essere una delle città più antiche d’Olanda è anche una delle più affascinanti, con i suoi particolari canali disposti su due livelli. Trattandosi di una città universitaria, nel mese di agosto è un po’ moscia rispetto al solito, ma questo non significa meno bella. Utrecht è la città natale della coniglietta Miffy (creazione del fumettista Dick Bruna), ricordata un po’ ovunque per le vie del centro.

Amsterdam
Amsterdam, Olanda
Devo spendere parole su Amsterdam? Naaa, la capitale olandese si presenta da sola e va ovviamente inclusa in un viaggio in Olanda. In tre giorni si riesce a visitarla quasi tutta, inclusi i musei più importanti con le loro interminabili code e alcune chicche nascoste, anche se servirebbe molto di più per godere della sua atmosfera godereccia aka Gezelligheid (non mi riferisco a canne o donnine, malpensanti!). Un paio di raccomandazioni: noleggiate una bici per girare in città, ma siate prudenti perché purtroppo di incidenti sulle due ruote se ne sente sempre parlare.

(Waterland)
Waterland, Olanda
Partendo da Amsterdam, dedicate almeno una mezza giornata ad esplorare i suoi dintorni…in bicicletta! Un giro bello e non troppo impegnativo è quello che in meno di 40 chilometri vi permette di esplorare il Waterland, la regione invasa dall’acqua. Uscendo di poco dalla città in direzione Nord, ci si ritrova immersi nel verde dove, ogni tanto, spunta un paesino dal nome impronunciabile.

Delft
Delft, Olanda
Un gioiellino di città, un posto che vi farà innamorare e da cui non ve ne vorrete più andare, nonostante le minuscole dimensioni. Il centro è piccolissimo, si visita in poco tempo ma vi si respira una bella atmosfera, anche se non è più esattamente la stessa che respirava il grande pittore olandese Jan Vermeer (quello della Ragazza con l’orecchino di perla) che qui è nato e ha vissuto tutta la sua vita. Purtroppo però tutti i suoi capolavori si trovano in altre città 🙁

(L’Aia)
L'Aia, Olanda
Da Delft basta prendere il tram 1 per arrivare comodamente in 30 minuti in centro a L’Aia, senza nemmeno dover cambiare mezzo. Una città tranquilla e ordinata che ospita un museo bellissimo, la Mauritshuis, e che avrete piacere ad esplorare. Se avete abbastanza tempo a disposizione, potete fare un salto in spiaggia, a Scheveningen, senza però aspettative troppo alte. Poi prendete la linea ferroviaria ad alta velocità che in meno di mezz’ora vi condurrà a Rotterdam.

Rotterdam
Rotterdam, Olanda
Non voglio azzardare il paragone con New York (o forse sì?), ma io Rotterdam l’ho trovata fighissima! Una città brulicante e slanciata grazie ai tanti, altissimi grattacieli, un’esplosione di energia, un concentrato di architettura moderna e talvolta curiosa (le case a forma di cubo vi dicono niente?). Non perdetevi per nessuna ragione al mondo la salita sull’Euromast, da cui si gode di un’incantevole vista della città da 100 metri d’altezza. Se avete abbastanza budget rimanete a cena e se avete vinto al gratta&vinci, fermatevi anche per la notte per svegliarvi con la città ai vostri piedi. E prendetevi un caffè al Café Rotterdam, all’interno dell’ex terminal delle navi passeggeri.

(Kinderdijk)
Kinderdijk, Olanda
Una volta a Rotterdam vuoi non andare a vedere ‘sti benedetti mulini patrimonio Unesco? Sto parlando di Kinderdijk, una distesa di mulini a vento da lasciare a bocca aperta. È sì un posto molto turistico, ma non può non essere visitato: dove vi ricapita di vedere uno spettacolo così? Inoltre, volete mica tornare da una vacanza in Olanda senza un selfie con un mulino a vento?
A Rotterdam cercheranno di convincervi che il modo migliore per arrivare a Kinderdijk è con la nave. Probabilmente. Io però ho preferito noleggiare una bicicletta e arrivarci pedalando e mi è piaciuto un sacco 🙂 Sono soltanto una quindicina di chilometri ad andare e altrettanti a tornare, il percorso è suggestivo e poi la bicicletta la potete utilizzare per spostarvi più velocemente a Rotterdam una volta rientrati.

Eindhoven
Eindhoven, Olanda
Checché ne dica, anzi, non ne dica la Lonely Planet, che manco le dedica un paragrafo, Eindhoven è una città che merita almeno una giornata di visita. Non sarà stimolante come Amsterdam, chevvelodicoafare, tuttavia è un peccato snobbarla del tutto e usarla solo come località d’atterraggio. Possibilmente fate in modo di capitarci la terza domenica del mese (ma non di agosto!) per poter partecipare al FeelGood Market, che si tiene nella Strijp-S, un’ex zona industriale riqualificata. Sarà che io adoro il riqualificato, ma mi è piaciuto così tanto che penso (e spero) di poterci tornare apposta.

Come muoversi in Olanda
Per quanto riguarda gli spostamenti da una località e l’altra, i mezzi pubblici funzionano benissimo e i collegamenti sono numerosi. Ho già approfondito questa tematica in un post dedicato a cui vi rimando, questo: Come spostarsi in Olanda: mezzi pubblici e bicicletta.

 
13 Commenti
  1. Ma che bell’articolo 🙂 sto programmando un viaggio in Olanda di 7 giorni e seguirò esattamente tutte le indicazioni dell’autrice 🙂 grazie!

  2. Molto interessante il tour da te descritto. Lo sto prendendo come riferimento…
    Seguendo lo stesso schema, escludendo la bici per problemi fisici di chi si unirà, quali sono le mete da raggiungere in treno?
    Sugli spostamenti potresti dare qualche dritta in più?

    • Ciao Caterina,
      praticamente tutte le località di cui parlo sono raggiungibili in treno! Fanno eccezione:
      – il Parco Nazionale De Hoge Veluwe dove devi prendere un treno per Otterlo (o altra località nei dintorni) e poi un autobus che ti porta vicino all’ingresso del parco
      – Kinderdijk: ci si arriva in barca da Rotterdam (io l’ho fatta in bici)
      – Waterland: questa zona ha senso girarla in bici o al massimo in macchina. Qui di treni non ne passano, al massimo qualche autoobus.

      Per più info relative ai trasporti ti rimando a questo post: http://www.tastingtheworld.it/come-spostarsi-in-olanda/7310/

      Comunque vai tranquilla, in Olanda è facilissimo spostarsi e sono super organizzati!

      Buon viaggio 🙂

      • Grazie per i preziosissimi consigli!
        Sono incerta se prenotare 2 notti a Delft (per visitare anche meglio L’Aia) o Rotterdam
        Tu che mi consiglieresti?
        1 notte per parte?
        Non vorrei sacrificare ciò che più merita
        Ho in tutto 1 settimana
        Davvero difficile scegliere!
        Leggerti è stato molto utile

        • L’Aia la visiti facilmente anche da Rotterdam.
          Delft è molto graziosa ma piccolina, quindi si visita in poco. Anche Rotterdam è molto bella però, ma più moderna e più grande.

          • Un ultimo quesito, legato a un aspetto poco chiaro: consigliata, per gli spostamenti treno/tram/metro/bus, la OV-chipkaart, previa presenza di un credito di almeno € 20, per viaggi in treno.
            Questo significa che la tessera non sarà mai azzerata o quasi?
            Che a fine vacanza rimarrà comunque un credito di almeno € 20 che andrà perso?
            Non capisco.
            Il modo per evitare ciò è disporre della versione non anonima? Ma servono foto?
            Saresti così gentile da chiarirmi questi dubbi sul modo più economico di spostarsi di città in città?
            Grazie infinite

  3. Ciao! Sto programmando anche io un tour in Olanda e il tuo articolo è stato davvero preziosissimo! Solo un’informazione di carattere pratico: indicativamente, quanto ti è costata la settimana? Ho sentito pareri discordanti sulla “costosità” dell’Olanda e mi piacerebbe avere una tua opinione! Ti ringrazio anticipatamente 🙂

    • Ciao Rebecca,
      mi fa piacere sapere di esserti stata un po’ utile 🙂

      Per quanto riguarda la questione economica, ho cercato un di ricostruire quanto ho speso (è passato un po’ di tempo e potrei essermi persa dei pezzi, perdonami se non riesco ad essere precisissima). Ricordo comunque che non è stato un viaggio particolarmente economico: l’Olanda per definizione non è proprio a buon mercato.

      Tra mangiare (spuntino a pranzo e cena vera e propria la sera), affittare le biciclette, mezzi pubblici, musei e altre cose calcolerei non meno di 40 € al giorno.

      Poi c’è il dormire, anche qui calcolerei sui 30/40 € a testa a notte.

      Quindi diciamo che con 80 € al giorno te la puoi cavare se non fai troppo l’esosa 😉

      Fammi sapere se ti serve altro 🙂

      Buon viaggio!
      Silvia

  4. Ciao molto interessante questo articolo. Volevo chiederti se la ov chipkart deve averla ogni persona che viaggia oppure puo essere cumulativa per piu persone. Inoltre sai se i bambini viaggiano gratis ? Nel caso fino a quanti anni ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *