I dolci tipici di Lucca: Buccellato e Torta di Verdure (entrambi da provare)

 

I dolci tipici di Lucca: torta di verdure e buccellatoPoco prima di tornare per la terza volta a Lucca ho sentito un’amica che, seppure cittadina del mondo da ennemila anni, ha i natali lucchesi. Ed è pure una buona forchetta, quindi sapevo di andare a colpo sicuro chiedendole lumi gastronomici.
La signorina però mi ha mandato in crisi perché al capitolo dolci, che ben sa essere di vitale importanza per me, mi ha posto davanti a un bivio: Buccellato o Torta di Verdure. Innanzi a decisioni di questo tenore non so mai cosa fare e, nel dubbio, li ho presi entrambi da portare a casa. Così me li razionavo per bene durante la settimana, almeno questa era l’intenzione (nella realtà al giorno 3 erano già spariti entrambi).
La decisione di non prendere una decisione si è rivelata la cosa migliore: oltre al fatto che non avrei potuto dormire sonni tranquilli all’idea di averne assaggiato solo uno, effettivamente entrambi i dolci vanno provati. Sono talmente diversi che non sono nemmeno in grado di dirvi quale sia il più buono. Mi son piaciuti entrambi, non basta? Adesso ve li racconto e subito dopo mando la fattura del dietologo alla mia amica :-p

Buccellato
Buccellato, LuccaChi viene a Lucca e non mangia il buccellato è come non ci fosse mai stato“, così recita il proverbio. Mi sembrava quindi d’obbligo assaggiarlo, poi vedete voi se preferite andare contro i detti popolari e risparmiarvi il dolce della tradizione. Non aspettatevi nulla di elaborato però, perché il buccellato è una sorta di pane dolce aromatizzato all’anice. Un dolce semplicissimo quindi che tiene botta, e anche piuttosto bene, dal lontano 1881 (la semplicità è sempre la chiave vincente, io l’ho sempre sostenuto). Come in tutte le tradizioni che si rispettano, anche per il buccellato non c’è una ricetta ufficiale, ma quella di Taddeucci pare che lo sia (e pare inoltre che sia stato proprio Jacopo Taddeucci, capostipite di una dinastia di fornai/pasticceri, ad averlo inventato). Ovviamente si tratta di una ricetta segreta, tramandata di padre in figlio e a noi comuni mortali non è dato venirne a conoscenza. Gli ingredienti sono comunque questi: farina, zucchero, lievito di birra, latte, uva passa, semi di anice, burro, uova. Una roba semplice, che vi avevo detto?
Il buccellato, il cui nome deriva dal latino buccella (boccone) si trova in forma di ciambella o dritto e si accompagna bene a un vino liquoroso. La consistenza è quella del pane un po’ vecchio, di quello che si fa fatica a prendere a morsi e l’anice si sente tantissimo (quindi se non vi piace, evitate). Non è troppo dolce, nonostante l’uvetta.



Dove comprarlo: pasticceria Taddeucci, Piazza San Michele, 34. SITO INTERNET.
Un buccellato piccolo costa 4,50€, dura circa 3 giorni e, se si fa vecchio, si può tagliare a fettine sottili e riscaldare in forno.
Il buccellato di Taddeucci vanta la citazione da parte della critica gastronomica statunitense Mimi Sheraton nel suo libro 1000 Foods to Eat Before you Die (I mille cibi da provare prima di morire), dove lo descrive come un dolce che soddisfa ma lascia leggeri.

Torta di Verdure
Torta di Verdure, Lucca
Un dolce troppo particolare per non essere messo nella to eat list. È fatto con bietole, pane, pinoli, uvetta, spezie e ovviamente zucchero, altrimenti non sarebbe un dolce. In diverse ricette che ho trovato in rete -non c’è tantissima letteratura a dire il vero- è previsto anche del formaggio (parmigiano e pecorino) e in quella che ho provato io ce n’era una spolverata ma si sentiva poco. Questi ingredienti, insieme ad altri che ho tralasciato perché più ordinari, vengono amalgamanti insieme per ottenere il ripieno della torta, che è poi riposto in una base di pasta frolla. Il risultato è davvero singolare: nonostante l’accostamento curioso tra bietole e “cose” dolci il gusto dolce-salato (molto più dolce a dire il vero) non disturba affatto né disgusta. Anzi.
La Torta di Verdura la potete trovare anche in incognito con il nome di Torta di Erbi (che sono le bietole in dialetto) o quello di Torta coi Becchi, che sarebbero le decorazioni appuntite realizzate con la pasta frolla nel bordo della torta.
Chi volesse cimentarsi nel prepararla, qui trova la ricetta. Ovviamente, ne voglio una fetta recapitata a casa 😀

Dove comprarla: pasticceria Pinelli, via Beccheria, 28. SITO INTERNET.
Una Torta di Verdure piccolina costa un po’ meno di 9€ e dura circa tre giorni.

***
HEY ASPETTA, non scappare via così! Dato che hai letto fino a qui vuol dire che hai trovato l’articolo utile e/o interessante… allora perché non lo condividi?

Inoltre passa a trovarmi su: Facebook e/o Instagram. Un bel LIKE è sempre gradito 😉
***

Può interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *