Pub famosi a Bruxelles: locali storici dove bere una birra (anche due)

 

Bruxelles, i pub da non perdere
Se c’è una cosa che a Bruxelles proprio non manca è la birra. Avevate dubbi in merito? Credo proprio di no. Bionda, scura, fruttata o ambrata: Bruxelles (e il Belgio in generale) è the place to be se amate la birra. Sono tantissimi i locali che spillano birra nella capitale, alcuni dei quali tappe imprescindibili durante un soggiorno a Bruxelles. Di seguito trovate alcuni indirizzi assolutamente da annotarsi prima di partire.

À la BécasseÀ la morte subiteDelirium CaféÀ l’Imaige Nostre Dame



À la Bécasse
A la Bécasse, Bruxelles
E’ un piccolo estaminet sempre frequentatissimo sia da gente del posto che da turisti incuriositi dall’insegna rossa lampeggiante dotata di freccia, che invita ad entrare in un vicolo apparentemente anonimo. À la Bécasse è un locale storico di Bruxelles, che da oltre 130 anni dà da bere agli assetati. La sua storia si perde talmente in là negli anni che nessuno si ricorda come mai sia stato ribattezzato così.
Questo è il posto giusto per bere una bicchiere di lambic, la birra a fermentazione spontanea prodotta esclusivamente nella regione a sud-ovest di Bruxelles, il Payottenland. E se siete indecisi su cosa scegliere, provate la palette de dégustation, che per poco meno di 6 € vi permetterà di assaggiare 4 tipi diversi di birra.
À la Bécasse si trova in centro, a due passi dalla Grande Place, in rue de Tabora 11. È aperto tutti i giorni dell’anno dalle 11 del mattino fino a mezzanotte, tranne il venerdì e il sabato che chiude all’1.
Per la cronaca: estaminet è un termine che, in passato, veniva usato per identificare una taverna dove bere e andare a donne. E a Bruxelles ce n’erano molte.
[Sito Internet]

À la morte subite
A la morte subite, Bruxelles
Classe 1910, questo è un altro locale storico della città, nonché uno dei più famosi in cui recarsi in pellegrinaggio per una birra respirando un’atmosfera d’altri tempi. Tranquilli, il nome non è di cattivo auspicio: anche se letteralmente si traduce con “la morte istantanea”, non ha nulla a che vedere con la dipartita terrena. Prima di trasferirsi nella sede attuale di rue Montagne aux Herbes Potagères 7, gli impiegati della Banca Nazionale del Belgio solevano recarsi nel vecchio locale per giocare a carte e l’ultima partita prima di tornare al lavoro veniva soprannominata “morte subite”. In onore di ciò il proprietario, in seguito al trasloco del 1928, ribattezzò il locale “À la morte subite”.
À la morte subite è anche il nome della birra della casa, una gueuze (birra a fermentazione spontanea ottenuta mescolando un lambic giovane ad uno più vecchio) dal gusto un po’ amaro servita a temperatura ambiente. Se è troppo per voi, provate quella alla ciliegia o al lampone.
Il locale, che è a tutti gli effetti un café-brasserie, offre anche alcuni piatti e spuntini da abbinare con le birre. È aperto tutti i giorni dalle 11 del mattino all’una di notte, la domenica da mezzogiorno a mezzanotte. Il locale rimane chiuso soltanto pochi giorni all’anno, durante alcune feste “comandate”.
[Sito Internet]

Delirium Café
Meno sofisticato dei due appena citati, ma indubbiamente uno dei locali più noti e frequentati della città, che si sviluppa su ben 3 piani. Sia indigeni che forestieri trascorrono qui intere serate (se non giornate!) a bere birra che, è proprio il caso di dirlo, scorre letteralmente a fiumi: il numero di birre nel menù è davvero imbarazzante (circa 2500), tanto che se non si hanno le idee chiare su cosa si vuol bere si rischia di ordinare a casaccio. Birre da tutto il mondo e di tutti i tipi: dalle più classiche alle trappiste passando per insolite birre aromatizzate al cioccolato piuttosto che alla noce di cocco. Un delirio, appunto.
Il Delirium Café si trova al 4 di Impasse de la Fidelité, proprio di fronte alla statua della bambina che fa la pipì, ed è aperto tutti i giorni dalle 10 del mattino fino alle 2 o 4 del mattino.
[Sito Internet]

À l’Imaige Nostre Dame
Un po’ di tempo fa avrei sicuramente inserito in questa lista anche À l’Imaige Nostre Dame ma, durante la mia ultima visita a Bruxelles, era chiuso. Ho scoperto che ha traslocato altrove, un po’ fuori dal cuore del centro storico e, non essendoci stata, non ho informazioni in merito su questa nuova location. Anzi, se voi ne avete, fatemi sapere nei commenti!

Cheers anzi, santé 🙂

Siete in partenza per Bruxelles? Allora non perdetevi tutti gli altri articoli di Tasting the World su questa bellissima città, pieni di consigli e curiosità. Li trovate CLICCANDO QUI.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *